Studio Legale Calandra

From the blog

Pubblicazioni

Non c’è alcuna crisi energetica, solo una crisi di ignoranza (Richard Buckminster Fuller)

Al giorno d’oggi, sentiamo spesso parlare di riscaldamento globale, fame nel mondo e uguaglianza di genere, ma in quanti sanno che il 7.8% della popolazione europea, nel 2017, non riusciva a riscaldare la propria abitazione in maniera adeguata a causa dei costi della corrente elettrica? In quanti sanno che più di 840 milioni di persone nel mondo non hanno accesso a nessun tipo di fonte energetica?

L’accesso all’energia è un prerequisito essenziale per raggiungere tutti gli obiettivi di sviluppo sostenibile che si estendono ben al di là del settore energetico, come ad esempio l’eliminazione della povertà, il miglioramento della sanità pubblica e l’assicurazione di risorse alimentari sufficienti.

 

L’accesso all’energia è un prerequisito essenziale per raggiungere tutti gli obiettivi di sviluppo sostenibile che si estendono ben al di là del settore energetico

Esistono ad oggi numerosi strumenti internazionali atti ad assicurare che, entro determinate date future più o meno prossime, l’utilizzo di fonti energetiche fossili diminuisca sensibilmente o venga addirittura azzerato. Il Green Deal europeo, per esempio, è la tabella di marcia per rendere sostenibile l’economia dell’UE entro il 2025. Per conseguire questo obiettivo sarà necessaria l’azione di tutti i settori della nostra economia, tra cui:

  • investire in tecnologie rispettose dell’ambiente
  • sostenere l’industria nell’innovazione
  • introdurre forme di trasporto privato e pubblico più pulite, più economiche e più sane
  • decarbonizzare il settore energetico
  • garantire una maggiore efficienza energetica degli edifici
  • collaborare con i partner internazionali per migliorare gli standard ambientali mondiali.

La pertinente normativa nel settore energetico sarà riesaminata e, se necessario, modificata entro giugno 2021. Nel 2023 gli Stati membri aggiorneranno quindi i piani nazionali per l’energia e il clima affinché questi rispecchino la nuova ambizione in materia di clima. Inoltre, secondo il Green Deal europeo, le emissioni che non saranno eliminate entro il 2050 scompariranno in ogni caso, per esempio grazie a pozzi naturali di assorbimento del carbonio come le foreste e al ricorso a tecnologie di cattura e stoccaggio del carbonio.

Nel 2023 gli Stati membri aggiorneranno i piani nazionali per l’energia e il clima affinché questi rispecchino la nuova ambizione in materia di clima

La strategia dell’UE per l’integrazione del sistema energetico sarà il quadro di riferimento per la transizione all’energia verde. Il modello attuale – in cui ogni settore (trasporti, industria, gas, edilizia) costituisce un compartimento stagno di consumo energetico con catene del valore, norme, infrastrutture, pianificazione e operazioni proprie – non può traghettarci verso la neutralità climatica entro il 2050 con efficienza di costo; il modo in cui gestiamo il sistema energetico deve integrare l’evoluzione dei costi delle soluzioni innovative. Bisogna creare nuovi collegamenti intersettoriali e sfruttare i progressi tecnologici, ad ogni livello, da quello domestico a quello industriale.

Integrare il sistema energetico vuol dire pianificarlo e gestirlo nel suo insieme, collegando diversi vettori energetici, infrastrutture e settori di consumo. Un sistema del genere, interconnesso e flessibile, risulterà più efficiente e ridurrà i costi per la società: ciò significa ad esempio che l’energia elettrica che alimenta le auto europee potrebbe arrivare dai pannelli solari sui nostri tetti, mentre le nostre case potrebbero essere riscaldate dal calore generato da una fabbrica nelle vicinanze, la quale a sua volta si servirebbe dell’idrogeno pulito prodotto grazie all’energia eolica off-shore.

Integrare il sistema energetico vuol dire pianificarlo e gestirlo nel suo insieme, collegando diversi vettori energetici, infrastrutture e settori di consumo

Come possiamo fare, quindi, per non farci trovare impreparati al cambiamento che inevitabilmente arriverà?

Un’impresa ha diversi modi per implementare gli obiettivi del goal 7, che si prefigge di garantire l’accessibilità a tutti di energia sicura, sostenibile e all’avanguardia dal punto di vista delle tecnologie.

Il primo target di questo goal riguarda l’accesso ai servizi energetici e prevede come possibile impegno per le imprese una collaborazione con lo Stato e le amministrazioni per lo sviluppo di nuove modalità di tariffazione energetica e l’ampliamento della rete per poter garantire a tutti, anche nelle aree più remote, l’accesso all’energia. Un’altra possibilità è quella di investire in energia sostenibile, cercando di arrivare ad un sempre maggiore efficientamento energetico interno.

Il secondo target mira a raggiungere una quota sempre maggiore di energia sostenibile nel mondo. Il primo passo da fare per raggiungere questo obiettivo è certamente quello di utilizzare nella propria impresa fonti di energia rinnovabile, magari prendendo in considerazione di produrre la propria energia o acquistando “energia di scarto” da altre imprese e cercare di evitare il più possibile le dispersioni. Inoltre, ci si può informare sulle forniture energetiche dei propri partner ed informarli della possibilità di autoprodurre energia o di servirsi da fonti sostenibili, qualora non lo facciano già. Altra possibilità è quella di diventare partner e supporter di nuovi modelli di business che adottino fonti energetiche sostenibili o che direttamente si occupino della produzione e vendita di energia rinnovabile. Naturalmente il monitoraggio dei propri consumi energetici è fondamentale ed è un buon punto di partenza.

Il primo passo da fare per raggiungere questo obiettivo è certamente quello di utilizzare nella propria impresa fonti di energia rinnovabile, magari prendendo in considerazione di produrre la propria energia o acquistando “energia di scarto” da altre imprese e cercare di evitare il più possibile le dispersioni

Il terzo ed ultimo target si propone di raddoppiare il tasso globale di miglioramento dell’efficienza energetica. L’efficientamento energetico è un  grande obiettivo e posa le sue basi nel monitoraggio della tipologia e quantità dei propri consumi, lo sviluppo di nuovi modelli di business incentrati sulle fonti di energia sostenibile, il calcolo di scope 1, 2 e 3 orientando all’efficientamento e la collaborazione tra pari per addivenire ad un modello di produzione e consumo energetico che sia sostenibile.

Quello energetico è un tema molto complesso, le cui fila sono mosse principalmente dai grandi attori del commercio e dai governi, poiché gli interessi in gioco e le movimentazioni di capitali sono enormi.

Per questo il piccolo imprenditore può sentirsi schiacciato ed obbligato a sottostare alle offerte che gli vengono proposte, sentendo di non avere voce in capitolo.

Invece, come dimostra il settimo goal dell’Agenda 2030, ci sono diverse azioni che ciascuno può compiere per incentivare il cambiamento ed anche per rendersi il più possibile indipendente dai movimenti dello scacchiere su cui si gioca la battaglia sull’energia.

Informarsi, sensibilizzare, cambiare operatore energetico, verificare che la propria banca od ente finanziatore non sia coinvolto in operazioni che contrastano lo sviluppo di energia sostenibile e rivolgersi a chi invece investe in questo tipo di progetti, sono tutte azioni semplici che ognuno può porre in essere per contribuire al raggiungimento di questo importante obiettivo dell’Agenda 2030.

Qui il nostro consueto questionario, per verificare il livello di impegno nella transizione all’energia rinnovabile.

Avv. Elisa Traverso

Prof. (contr.) Isabella Querci

 

Si riceve su appuntamento

Il nostro studio, posizionato sulla più bella via della Superba, è a Vostra completa disposizione tutti i giorni, ventiquattro ore su ventiquattro.Non esiti a contattarci.