Studio Legale Calandra

From the blog

Pubblicazioni

Impresa sostenibile: come iniziare – I parte

Credo fermamente che una netta virata verso un modo di fare impresa sostenibile sia necessaria e, come vi sarete accorti leggendo giornali e articoli sparsi per il web, non sono solo io a crederlo.

Oggi ci sono moltissimi consulenti che, come me, desiderano aiutare le imprese nel percorso verso la transizione alla sostenibilità. Si trovano online molti webinar di pregio che forniscono indicazioni su come farlo e molti professionisti che lavorano nel settore da anni si stanno sforzando per raggiungere questo obiettivo.

Il target “sostenibilità” appare a molti impegnativo e sono ancora tanti gli imprenditori che tendono a guardare altrove, sentendosi in qualche modo esentati dal fare i conti con quello che viene percepito come un obbligo scomodo e pretestuoso, stante la piccola dimensione della propria azienda e i molti problemi che devono affrontare quotidianamente, specialmente in un momento come questo.

Quello che propongo in questo articolo è la trasposizione di un metodo che vale per le persone fisiche, sul piano dell’impresa. Mi spiego: la sostenibilità non è un concetto astratto, ma si concretizza in una serie di comportamenti che, se applicati con costanza, diventano abitudini e portano ad un cambiamento concreto dello stile di vita. Il cambiamento del singolo, se sommato a quello di altre unità, genera un cambiamento concreto nell’ambiente circostante. Per quanto piccolo possa apparire un progresso verso un ambiente più sostenibile, non bisogna farsi scoraggiare, poiché il c.d. effetto valanga è dietro l’angolo e comunque ogni passo nella giusta direzione è un passo che avvicina all’obiettivo.

Per le persone fisiche, quando si vuole creare un’abitudine, è necessario stabilire quale comportamento si vuole adottare e poi sforzarsi di metterlo in pratica con costanza, dandosi obiettivi temporali e risultati da monitorare. Non appena si vedranno i primi benefici dal nuovo comportamento, diventerà sempre più facile porlo in essere, finché finalmente sarà diventato un’abitudine. Il tempo necessario per compiere questo passaggio varia da persona a persona, ma si può affermare che tra i 20 e i 60 giorni, la nuova abitudine si sarà creata.

Ebbene, io propongo di applicare lo stesso metodo nell’impresa. In questo settore, ovviamente, i tempi di misurazione e controllo dei risultati saranno più lunghi. Peraltro, si può scegliere se iniziare ad adottare una sola pratica di sostenibilità o, magari, fare un semplice piano di obiettivi, preferibilmente triennale, per iniziare il percorso.

Questo, lo dico sin da subito, non è e non deve essere interpretato come un incentivo al greenwashing. Un’impresa che mette i pratica questo metodo non potrà comunicare di essere totalmente sostenibile, ma certamente potrà comunicare il suo impegno concreto e i risultati raggiunti. E’, come al solito, una questione di onestà intellettuale (tenendo conto che comunque, l’eventuale bugia può essere facilmente smascherata, con tutte le conseguenti ricadute reputazionali).

Vi potreste chiedere perché propongo di iniziare con dei piccoli passi e non con un piano di sostenibilità completo e importante. La risposta è che a volte, l’idea del cambiamento è fonte di timore, così come lo è mettere in campo ingenti risorse per una politica interna che potrebbe avere frutti incerti (o percepiti come incerti, dato che le imprese sostenibili sono forti e stanno resistendo alla crisi).

Anche nella quotidianità delle persone funziona in questo modo. Sappiamo tutti cosa dovremmo fare per diventare una famiglia sostenibile, ma la mole di cambiamenti da porre in essere, il numero di pensieri da aggiungere a quelli preesistenti a volte spaventano e allora, alla fine, si lascia perdere. Quando invece si inizia il percorso di sostenibilità poco per volta, innestando abitudine su abitudine, si cambia davvero il proprio modo di agire e con i comportamenti cambia anche la mentalità. In quel momento possiamo affermare che la sostenibilità diventa parte integrante della vita e i vantaggi diventano sostanziosi sia dal punto di vista della soddisfazione personale che da quello economico (si, anche economico, essere sostenibili costa meno, molto meno).

Nel prossimo articolo approfondirò quali siano, in modo concreto, le modalità per intraprendere un percorso di sostenibilità ambientale, partendo da un piccolo passo, per poi arrivare, in breve tempo, a poter  essere un’impresa davvero sostenibile.

Avv. Elisa Traverso

Si riceve su appuntamento

Il nostro studio, posizionato sulla più bella via della Superba, è a Vostra completa disposizione tutti i giorni, ventiquattro ore su ventiquattro.Non esiti a contattarci.